L’amore ai tempi del colera

Epopea di un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per “cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese”. Tanto deve aspettare Florentino Ariza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. E’ la cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce, col passare degli anni, ma
caparbiamente, cresce e si rinnova.Il finale perfetto, circolare.

“Il capitano guardò’ Fermina Daza e vide sulle sue ciglia i primi fulgori di una brina invernale.Poi guardò Fiorentino Ariza, la sua padronanza incivile, il suo amore impavido, e lo turbò il sospetto tardivo che è la vita, più che la morte, a non avere limiti.
‘Fino a quando crede che possiamo continuare con questo andirivieni del cazzo?’
gli domandò. Florentino Ariza aveva la risposta pronta da cinquantatré anni sette mesi e undici giorni, notti comprese. ‘Per tutta la vita’ disse.”

Loris Gemelli

Lascia un commento

Your email address will not be published.